Un po' di storia APE PDF Print E-mail

La nascita

1939: l'Europa è sconvolta dal secondo conflitto mondiale: l'armata tedesca, sotto il comando del dittatore Adolf Hitler, invade uno dopo l'altro tutti i paesi confinanti. In queste circostanze la Svizzera sta a guardare, ma si prepara a tempi duri.

In settembre di quell'anno molti uomini sono chiamati sotto le armi a difendere i confini nazionali, sono uomini, ma anche genitori che lasciano le loro famiglie a casa. Anche le scuole rimangono chiuse per periodi prolungati per la mancanza di insegnanti.

È in questa cornice che nella valle di Poschiavo nasce il bisogno di un'organizzazione che faccia qualcosa di utile per i giovani della valle, un movimento proprio come lo scautismo.

Dalle notizie su questo movimento fondato nel 1907, già in larga espansione in tutto il mondo, sono arrivate alle orecchie di alcuni genitori a Poschiavo. Sembrava proprio quello che ci voleva per i giovani!

Così questi genitori prendono contatto con Alfonso Tosio, un pasticciere tornato da poco dall'Inghilterra, che appunto là aveva avuto una lunga esperienza scautistica. Ben volentieri Aquila, questo era il nome scaut di Alfonso Tosio, accetta questo incarico e così nel giugno del 1940 nasce, alla presenza di una quindicina di giovani, l'APE, l'Associazione Poschiavina Esploratori. Dapprima l'associazione è separata confessionalmente.

 

Le prime attività

Il successo di questa organizzazione è immediato e l'entusiasmo che trascina i 20 membri è enorme. Sotto l'attento sguardo di Aquila i giovani esploratori fanno spedizioni nel bosco, scampagnate e giochi, ma imparano anche ad usare la carta geografica, la bussola, a conoscere l'alfabeto Morse; esercitano alcuni rudimenti di primo soccorso ai feriti e anche un po' di botanica e zoologia.

Queste sono rimaste anche attraverso gli anni e i cambiamenti le attività principali dell'APE come di tutto il movimento scaut.

Nel 1941, un anno dopo la fondazione, partecipando al campeggio cantonale di Alvaneu, l'APE entra ufficialmente a fare parte dello scautismo cantonale, come pure nazionale e internazionale. Negli anni seguenti, sempre con molto entusiasmo, partecipano alle varie attività organizzate dai capi sezione. Dope Aquila seguiranno Renato e Francesco Zanetti, Plinio Tognina, Reto Pozzy, Tomaso Lardelli, Andrea Compagnoni, Guido Lardi, Franco Peng, Andrea Pozzy e Giacomo Lardi. Attualmente i caposezioni sono Carlo Cortesi e Sandro Semandeni. Alla "poltrona del presidente" si sono seduti fino ad oggi Emiliano Manfrini, Cesare Pola, Gian Geer e Alfonso Tosio, Andrea Compagnoni. Attualmente il presidente della società è Erno Cortesi.

 

Ma poi…

Ma le sorti dell'APE non sono costanti, la difficoltà di trovare chi si occupi dei giovani e la difficoltà di chi organizza nel creare qualcosa di valido, che motivi i giovani e che li attivi all'interno e al di fuori delle società, non è sempre facile, specialmente se si deve combattere con la scarsa partecipazione o con la mancanza di mezzi finanziari per procurarsi il materiale necessario.

E invece…

Durante gli anni sessanta l'attività della sezione è limitata e non sempre regolare, ma poi negli anni settanta c'è una rinascita, un rinvigorimento, forse dovuto ad un nuovo bisogno della gioventù di avvicinarsi, conoscersi e di avere un posto in cui incontrarsi, o forse al fatto che alla testa dell'Associazione sono subentrate delle persone nuove, giovani e con tante buone idee e volontà.

In questi anni comincia anche il successo delle squadre dell'APE agli incontri con le altre sezioni scaut del Cantone e non.

Nel 1975, per la prima volta una pattuglia di lupetti vince il premio dell'annuale giornata di giochi per tutti i lupetti del Cantone e nel 1977, al campeggio di Pentecoste a Trimmis, una squadra di esploratori, i Bolidi, vincono l'ambito trofeo.

Il loro successo si ripeterà per ben sette volte. Altra squadra che porterà più volte premi in valle sono i Thugs, la pattuglia di Brusio.

A prova della grande energia di cui l'APE gode in questi anni, e di cui gode ancora, sono anche i campeggi estivi. Mentre la prima ci si limitava alle escursioni fra le nostre montagne, dal 1978 in poi i monitori, con grande impegno organizzativo, offrono ai giovani partecipanti dei viaggi e dei soggiorni in diversi posti in tutta la Svizzera.

Le ragazze

Fra i membri dell'APE c'erano sempre state delle ragazze, ma ufficialmente solo nel 1978 anche a loro è stato concesso un posto nella sezione. Dapprima le "Api" e poi, in occasione del campeggio cantonale a Le Prese, nel 1980 anche le esploratrici entrano a far parte della storia dell'APE.

Mezzo secolo… in poche righe

Raccontare mezzo secolo di vita in poche righe è assai difficile; cercheremo perciò di menzionarvi solamente i fatti più salienti. Verranno perciò ricordati i passaggi più importanti e le varie "prime volte" della storia dell'APE.

1940: 29 giugno: Alfonso Tosio Fisler, v/o Aquila, indice il primo raduno scautistico a Poschiavo e pone così le basi della futura associazione. 14 luglio: per la prima volta in seno all'APE due giovani pronunciano la Promessa. 11 novembre: si costituisce il Comitato dei genitori. Alfonso Tosio è il primo caposezione.

1941: Per la prima volta l'APE partecipa ad un campeggio cantonale ad Alvaneu. Francesco Zanetti è il nuovo Caposezione

1944: Reto Pozzy inizia la sua attività come istruttore nelle file dell'APE.

1946: Per la prima volta l'APE organizza il campeggio cantonale a Cavaglia.

1948: 21 esploratori poschiavini partecipano al campeggio nazionale a Trevano

1955: Tocca nuovamente all'APE l'onore e l'onere dell'organizzazione del campeggio cantonale (Selva - Agüzzon)

1956: Andrea Compagnoni si incarica ufficialmente dell'istruzione della sezione. A Saignelegier l'APE rizza le sue tende in occasione del campeggio nazionale

1965: Per la terza volta l'APE organizza il campeggio cantonale (Cavaglia).

1974: Tocca nuovamente all'APE l'organizzazione del campeggio cantonale e la scelta cade nuovamente su Cavaglia.

1977: Per la prima volta nella storia dell'associazione, una pattuglia dell'APE vince in un campeggio cantonale, portando a casa l'ambito trofeo; a vincere sono i Bolidi.

1979: All'APE tocca l'organizzazione della giornata dei lupetti; il tema "I contrabbandieri". Si dà il via al ramo femminile dell'APE.

1980: Quarantesimo anniversario APE festeggiato con il campeggio cantonale sulle rive del lago di Le Prese. Tema: "L'uomo delle palafitte".

 

1981: Si decide la costruzione di una capanna quale nuova sede dell'APE.

1982: Prima vittoria delle API ad un raduno cantonale (Landquart).

 

1986: Inaugurazione ufficiale della nuova Capanna, sede dell'APE, situata in zona Lavecc.

1988: Prima vittoria "bis" ad un campeggio cantonale; infatti su sei trofei in palio l'APE se ne aggiudica ben cinque, salendo sul podio sia in campo maschile che femminile.

1990: La parola d'ordine è "50 anni APE", mezzo secolo di vita ricordato con il campeggio cantonale di Cavaglia, con la mostra ed un libretto commemorativo, dal quale è tratto questo testo.

1994: L'APE partecipa al campeggio nazionale Cuntrast.

2000: Il millennio comincerà con un nuovo campeggio cantonale a Cavaglia!!

 

(il testo é stato tolto dal libretto 50 anni APE)

2001: La capanna APE al Lavecc brucia!

2002: L'APE partecipa alla giornata dello scautismo con un campo a La Scera dove tutta la popolazione è invitata

 

2004: Festa Country per i 50 anni dell'ENO

2004: Jamboree On The Air: L'APE va in onda e stabilisce collegamenti fino in Canada

2007: Prima partecipazione alla "Stramangiada"

2008: Inaugurazione nuova Capanna a Pru Gerli

2009: l'APE torna agli antichi splendori: è di nuovo la migliore sezione grigionese al tradizionale campeggio di Pentecoste

2010: l'APE inaugura la tenda tipi e visita il Parco Nazionale

2011: l'APE organizza i due campeggi cantonali (lupetti e esploratori) a Le Prese